Online: 40
visitatori n° 103545
STUDIO MANZO & SIMONETTI - Consulenza Legale e Condominiale - Studio ci consulenza legale e condominiale. Costituito da professionisti laureati esperti nel settore civile, penale ed amministrativo.
.: Home
.: Contatti
.: News
.: Documenti
.: Chi Siamo
.: Dove siamo
.: Scambio Banner
   NEWS del 23/01/2008
 
>
Impianto citofonico
Il citofono è un impianto ad uso di tutti i condomini e, in quanto tale, rientra per legge tra i “beni comuni”. La sua installazione, ovviamente, non comporta una sostanziale modifica dell’edificio né, tanto meno, un’alterazione della destinazione delle parti comuni; semplicemente il citofono è un dispositivo che rende maggiormente “godibile” la propria casa senza, con ciò, inficiare il diritto al godimento della proprietà da parte degli altri condomini; ciò premesso, se ne deduce che il citofono non è annoverato tra le cosiddette opere innovative. Questo è ancora più evidente qualora si decida di intervenire sul vecchio impianto con ampliamenti o adeguamenti dello stesso alle nuove tecnologie; in tal caso, infatti, non si verifica uno degli aspetti fondamentali che caratterizzano l’opera innovativa ovvero le modiche apportate non sono di tale entità qualitativa e quantitativa da incidere sulla sostanza del bene al punto da privarlo della sua originaria destinazione. Sulla base di quanto fin’ora detto, ne consegue che la delibera in base alla quale si deve decidere l’installazione di un nuovo impianto citofonico, proprio perché diretto ad assicurare ai condomini l’uso e il godimento delle cose di loro proprietà esclusiva senza con ciò alterare la destinazione d’uso dei beni comuni, può essere assunto con il voto favorevole della maggioranza dei condomini intervenuti, purché portatori di almeno la metà del valore millesimale dell’edificio. Per quanto concerne la spesa che il singolo condomino deve corrispondere per l’installazione del citofono, questa deve essere ripartita in base al numero degli allacciamenti, escludendo ovviamente i proprietari delle unità immobiliari per le quali è oggettivamente escluso il collegamento come, ad esempio, in presenza di negozi o relativamente agli spazi per box auto. E’ doveroso, però, fare una puntualizzazione riguardo le parti comuni dell’impianto e quelle di proprietà esclusiva del singolo condomino; tale distinzione, infatti, è rilevante ai fini della ripartizione delle spese: si dovranno perciò addebitare, a tutti i proprietari e in egual misura, le spese relative all’installazione-manutenzione delle parti dell’impianto che servono l’intera collettività dei partecipanti al condominio; sono, invece, a carico del singolo condomino le spese destinate a servire unicamente il singolo appartamento. E’ necessario, infine, prestare attenzione qualora il regolamento del proprio condominio sia di natura contrattuale: infatti nulla vieta alle parti coinvolte, sulla base di voto unanime oppure contrattualmente attraverso il regolamento condominiale, di porre le spese a carico di tutti i condomini sulla base dei rispettivi millesimi.
 << Torna indietro 
Multimediaservice - Marketing e Servizi Integrati
STUDIO MANZO & SIMONETTI - Consulenza Legale e Condominiale
Si riceve in Formia: Lunedì-Mercoledì-Venerdì dalle 17.00 alle 19.00
in 1° Traversa Colagrosso n° 10 Scala A int. 1 - tel. 0771.267017 - fax 0771.322114
Indirizzo Postale Formia: Casella Postale n° 70 - 04023 Formia Centro (LT)

Si riceve su appuntamento in Napoli alla Via Chieti, 24 - 6° piano Scala A int. 27

Si riceve su appuntamento in Nocera Inferiore alla Via R. Libroia, 2
tel. & fax 081.9211095 | Indirizzo Postale Nocera Inferiore: Casella Postale n° 10 - 84014 Nocera Inferiore (SA)

Cell. 360.432867 - 339.8662518
P.IVA: 03438320651 – 01921880595
Tutti i diritti sono riservati. | Web master e designer by
Multimediaservice - Marketing e Servizi Integrati